auto
on the road logo

CIAO AREZZO, GUARDA COME MI DIVERTO!

oscar

Avete presente quegli appuntamenti con gli amici, schedulati e rischedulati, minuziosamente organizzati, per i quali, ci si prepara con calma, si arriva puntualissimi, sorridenti, tutto fila liscio, si chiacchiera amabilmente e tutti sono felici e contenti?

Ecco. Per me, è pura fantascienza!
Se la fortuna è cieca, la sfiga ci vede benissimo e, anche stavolta, mi ha riconosciuta facendo saltare l’appuntamento con una cara amica e ritardando di qualche ora l’incontro con la mia Toscana.

riccione tour

I piloti (esperti e non) della storica 1000Miglia mi capiranno, on the road può succedere di tutto: ruote sgonfie, cambi d’olio, autostop improvvisati.

Ma io voglio fare un dispetto al fato, e seduta sulla mia valigia nel bel mezzo di… Ehm, della…
- Che regione sarà? - Insomma, da qui, vi racconto di Arezzo e di un’aretina adottiva molto speciale.

ciak

In barba a Cannes e Los Angeles, la nostra Arezzo è una vera e propria città da Oscar.
Le vie del suo centro storico sono state il set de “La vita è bella” di Roberto Benigni.

A proposito, proprio Benigni è nato a pochi chilometri da Arezzo, così come Jovanotti e vogliamo parlare del patrimonio artistico? Dico solo Vasari e Petrarca, mica pizza e fichi!

Lo so, la curiosità vi sta divorando, non vedete l’ora di conoscere la protagonista misteriosa e io mi perdo in chiacchiere. Beh, in un certo senso, anche lei è figlia di questa meravigliosa città. Occhi magnetici, sorriso contagioso, grazia a profusione.

Molti la conoscono come Aurora, moderna eroina di Canale5; alcuni la ricordano come Maruska, appena diciassettenne, al fianco di Carlo Verdone e altri la portano nel cuore come Miss Toscana.

Lei è prima di tutto Anna. Poi vabbè, di cognome fa Safroncik,
ma questo lo sapete tutti.

teatro
quotes

Sin da quando avevo 5 anni,
i miei genitori mi hanno insegnato cosa vuol dire stare
sul palco e far emozionare le persone.

Il papà è un tenore internazionale, la mamma era l’etoile dell’opera di Kiev,
il nonno un famoso ballerino. Insomma, Anna è figlia d’arte, la stessa che oggi proprio la mamma insegna alla Chapkis Dance Italy.

quotes

"Sono molto legata ad Arezzo. Questa città mi ha cresciuta
e, ogni volta che torno in Toscana, mi sento libera, mi sento a casa.”

E se Anna non avesse fatto l’attrice? So che per i fan – inclusa la sottoscritta –
il solo pensiero è doloroso, ma sappiate che comunque non sarebbe passata inosservata.
Probabilmente avremmo avuto un Ponte Safroncik o una Torre Anna.
Sì, perché prima di intraprendere la sua carriera artistica, Anna sognava di diventare un architetto.

quotes

"Amavo disegnare tavole, progettare.
Era quello che facevo a scuola anche nelle ore delle altre materie.”

Poi, invece, sono arrivati il cinema, la TV, il successo e il teatro attraverso i quali
Anna ci ha regalato i personaggi che tutti amiamo.

on the road passport
scopri la protagonista
quotes

Meryl Streep è sicuramente un modello a cui mi ispiro.
Quando, citando Carrie Fisher ha detto “Take your broken heart and make it into art”, mi ha fatto capire che noi attori abbiamo una voce e dobbiamo usarla per far capire che nessuno è solo.

Da donna e attrice non posso che commentare così
(ogni riferimento è puramente casuale).


Nell’attesa di riprendere il viaggio, guardo su Instagram le foto che mi ha inviato Anna e grazie a lei mi godo Arezzo. Per restare in tema e fare il pieno di energia, come il Lorenzone nazionale canto “Ciao mamma, guarda come mi diverto!”. Sì, anche sotto il sole cocente, totalmente negata nel decifrare la cartina e appollaiata sulla mia valigia.

Aspettami Toscana mia, sto arrivando.
La tua viaggiatrice disperata.

valigia
Dev card logo 240 350 sxvvgq
 
Dev card logo 240 350 sxvvgq
 
Dev card logo 240 350 sxvvgq
Dev card logo 240 350 sxvvgq
Dev card logo 240 350 sxvvgq
Dev card logo 240 350 sxvvgq

Ascolta la colonna sonora del nostro viaggio!

IO E LA MIA CO-PILOTA DELL'ENERGIA

Eh sì, mia cara Estra, Anna è proprio una donna con la D maiuscola.
Come dici? Volevi un suo autografo? Non disperare, sono sicura che la rivedremo e avrò modo di farvi conoscere. Intanto, non ci resta che invidiare il DNA della famiglia Safroncik.
No dico, hai visto che occhi? Sarebbero capaci di illuminare a giorno la caverna più profonda del mondo che, per la cronaca, si trova in Abkhazia. Grazie Piero&Alberto Angela!
Co-pilota, mi presti un paio di LED che ci provo anch’io?

L’energia è un viaggio straordinario.
Gas, luce e servizi innovativi: verso il futuro con te.

www.estra.it